Maria Amelia Monti (Idea)

“Come marito finto è molto simpatico”. Tant’è che il matrimonio tra i due è durato un bel po’ di anni, riscuotendo un gran bel successo di pubblico. Gigi e Alice, alias Gerry Scotti e Maria Amelia Monti, sono state una delle coppie più amate del piccolo schermo, rocamboleschi protagonisti della sitcom Finalmente soli. Sono gli scherzetti della tv che ti può regalare un successo insperato quando alle spalle hai un curriculum vitae di per sé degno di un certo rispetto.

Maria Amelia, per esempio, aveva vent’anni  di teatro cominciato con Ernesto Calindri, suo primo maestro all’Accademia dei Filodrammatici: insomma, cose serie, con leggerezza. Che è un po’ la linea su cui si muove tuttora, la pièce bien faite di cui –guarda un po’ – il suo marito reale è stimatissimo autore. Edoardo Erba ha inventato per lei (ma non solo per lei) personaggi cult destinati a restare nella memoria, surreali, lievi, deliziosi archetipi di una nuova drammaturgia che varca i confini, tradotta e rappresentata in tutto il mondo.

Mi racconti di questo bel sodalizio tra la vita e la scena

Ci capiamo molto. C’è fiducia e stima reciproca. Anche se cerchiamo di non lavorare sempre insieme. Ultimamente abbiamo esagerato.

Non sono d’accordo. Anzi, facciamo un veloce ripasso. Margarita e il gallo, Michelina, Tante belle cose: tre commedie di Erba che l’hanno vista protagonista e che il pubblico ha molto amato.

Margarita ha unito generi di pubblico diversi, una commedia ambientata nel Cinquecento che rispettava i topos tradizionali  della commedia degli equivoci; Michelina invece è una commedia musicale un po’ spregiudicata in cui una mondina divenuta soubrette finisce per innamorarsi di una cardinale, e Tante cose belle racconta le manie di accumulazione di una donna  che i vicini di casa non ce la fanno più a sopportare.

E in cosa consisterebbe l’esagerazione?

Nel fatto che le tre commedie sono state messe in scena di seguito, nel giro di tre anni, dal 2007 al 2010, senza interruzione. Forse un po’ troppo.

Ma ormai ne sono passati dieci. Siete pronti per ricominciare?

Eccoci. Edoardo durante il lockdown ha scritto una commedia che pur non parlando di lockdown, ironizza sui mezzi di comunicazione virtuale che hanno preso piede anche tra noi adulti. Noi che ci siamo sempre lamentati con i nostri figli e ora siamo come loro e non possiamo più lamentarci.

Ci può anticipare qualcosa di più?

È una commedia sentimentale, comica e tragica allo stesso tempo, in cui due cinquantenni – io e Marina Massironi – si fanno cinque videochiamate. Noi saremo sul palco in due postazioni diverse ma le nostre facce saranno proiettate su uno schermo. Sono convinta che il pubblico guarderà sempre lo schermo.

Sì ma il teatro dove va a finire?

Io sono favorevole alla contaminazione. Non si può pensare che il teatro resti sempre fermo e immobile mentre il resto procede. Quello che caratterizza il teatro è l’unicità della rappresentazione: ecco, questa sì, non va persa.

In programma c’è la ripresa de La parrucca di Natalia Ginzburg, che debuttò prima della pandemia. 

Sì, nella seconda parte di stagione. La Ginzburg è la mia scrittrice preferita. Di suo ho già interpretato La segretaria e Ti ho sposato per allegria. Il suo è un teatro pieno di poesia, odori, piccole cose. La parrucca, collocato negli anni Settanta, è un monologo di venticinque minuti che segue Un paese di mare, come se fossero due atti unici che rinviano l’uno all’altro. Attraverso le due pièce infatti si assiste all’evoluzione di una coppia che vive in un tempo di transizione, in cui si cominciano a intuire i primi segni di cambiamento che porteranno agli anni settanta, gli hippy, le persone che parlano di Freud.

Nel 2021 sono vent’anni dalla morte di Natalia Ginzburg: l’ha conosciuta?

Aveva assistito alla prova generale de La segretaria, invitata da Marco Parodi, regista, che le aveva chiesto i diritti. Io avevo la lingua attaccata al palato. Ma poi lei è venuta in camerino e ci siamo abbracciate. Mi sono commossa.

Ci regala un ricordo di Ernesto Calindri?

La nostra scuola era proprio sopra Biffi e ogni volta che entrava gli proponevano un Cynar. E benché  rispondesse sempre ‘perché no?’ non si ubriacava mai. Aveva 78 anni e un’energia incredibile. Saliva sul palco con le gambe a squadra e faceva le tre di notte con noi.

Ho una curiosità e riguarda il periodo della Tv delle ragazze. Cito a caso Cinzia Leone, Alessandra Casella, Sabina Guzzanti, Francesca Reggiani e, ovviamente, Serena Dandini.

Un periodo bellissimo di cui ho nostalgia. La televisione rischiava davvero, non andava sul sicuro. C’era creatività vera. I talent scout giravano per i teatri e le cantine. Il lavoro era valorizzato. Ma tanto adesso la tv la guardano in pochi. I miei figli, per esempio, non la guardano affatto.

Già, i suoi figli, due grandi, femmina e maschio, e uno adolescente, adottato. Com’è il vostro rapporto?

Non sono mai stata una mamma convenzionale che li fa giocare ma mi diverto a giocare con loro, a fare cose insieme. Con Marianna abbiamo creato una linea di jeans e con Leonardo giriamo su Instagram gli sketch del lunedì, che divertono anche Robel, il piccolo, che però non vuole apparire. Alcuni sono diventati virali, come quello della spazzatura che gira su YouTube, insieme ad Angela Finocchiaro. 

Pubblicato su Idea il 30 settembre 2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.