Paola Barale (Idea)

Il teatro mi dà un entusiasmo nuovo

È un fiume in piena che esonda gratitudine. Paola per Paola, che chiama Paolina. Paola Barale non parla di sé ma di Paola Quattrini. E così grande parte dell’intervista concordata con lei la passiamo a chiacchierare di Paolina Quattrini. La donna, l’attrice, l’amica e sodale che le ha aperto le porte del teatro ufficiale e l’ha accolta in compagnia. Senza la spocchia della primadonna, ma con la grazia di un’anima bella.

È lei che ha chiesto a Luca De Bei, autore e regista di Slot, lo spettacolo che debutterà mercoledì 14 luglio a Borgio Verezzi (replica il 15) di aggiungere un personaggio per Paola e quindi di rivedere nella sostanza un copione quasi compiuto.

Un vero e proprio atto di stima

Una grandissima scuola. Ringrazio l’universo tutte le mattine per i suggerimenti che ricevo: come muovermi, come modulare la voce. Ma tutto con la massima discrezione. Non ti fa mai percepire che lei è una grande. Non ti fa mai pesare la sua cultura, il suo background. Ed è molto rispettosa anche del regista. Una scuola anche in questo senso.

Vi assomigliate persino fisicamente

A parte le affinità di colori, il nostro è stato un incontro magico fin dall’inizio. Abbiamo una vena di follia che ci accomuna e quando siamo insieme la differenza di età si annulla. Le ho persino fatto fare l’autostop.

Immagino che non abbiate dovuto attendere a lungo

No, ci hanno caricate subito. Un percorso breve, ma abbiamo proprio messo il dito a bordo strada.

Adesso ci racconti un aneddoto serio

Una volta durante una replica di Bugia mi guardava dalla quinta e quando sono uscita di scena mi disse ‘Mi dai un sacco di soddisfazioni’. Capiva il mio impegno, la mia voglia di farcela.

Bugia è Se devi dire una bugia dilla grossa, una commedia cult Ray Cooney già diretta da Pietro Garinei nell’86 con Paola Quattrini e Jonny Dorelli. Una ripresa, la vostra, interrotta dal lockdown, per ora sospesa a causa del cast troppo numeroso. Com’è andata?

Benissimo. In compagnia ero la sola a non saper recitare

Non sia modesta

La verità è che mi piace lavorare con chi può insegnarmi cose che non so, mi piace apprendere.

Credo di capire che il teatro sia diventato un grande amore.

Una gratificazione enorme nonostante i compensi siano molto inferiori. Del teatro mi piace la disciplina e contemporaneamente lo spirito un po’ gypsy, l’atmosfera da grande famiglia. Io non ho figli e il teatro mi permette di guardare alla vita con gli occhi di un bambino.

Quando è cominciato?

Con Dignità autonome di prostituzione, un format di Betta Cianchini e Luciano Melchionna. Un caro amico, il coreografo Luca Tomassini, mi presentò a Melchionna che mi affidò il ruolo della stregona, interprete del monologo che si intitolava Prendete l’armi. Un testo di ribellione molto forte dove dicevo cose pesantissime e spesso qualcuno se ne usciva piangendo. Era il 2008 – 2010.

Quindi dall’ultimo spettacolo a Bugia è trascorsa una decina di anni. E nel frattempo?

Ho fatto altro. Ho viaggiato molto, anche per lavoro.

Già, Pechino express.

Un’esperienza fantastica, faticosissima ma indimenticabile.

Le è mancato viaggiare?

Molto. Ma non la vacanza: mi è mancata la possibilità si salire in  macchina e partire senza meta. Appena potrò partirò in camper per il sud del Portogallo.

Da sola o in compagnia?

Non ho ancora il coraggio di viaggiare da sola ma prima o poi lo troverò. Ho sempre viaggiato circondata da persone che lavorano con me: assistenti, parrucchieri.

Che rapporto ha con la solitudine?

Adesso mi piace molto stare da sola. Avere i miei tempi e i miei spazi è diventata un’esigenza. Ma ci sono arrivata abituandomi alla mancanza, alle assenze.

È vero che è single?

Felicemente. Sono single ma non sono sola. Non ho più voglia di impegnarmi in rapporti faticosi, sbilanciati. Sono diventata più impulsiva di un tempo e più impaziente. Se fiuto che qualcosa non va, cambio aria. Sono più diffidente, più rigida.

Le fa paura il tempo che passa?

Non mi fa piacere ma ci convivo cercando di cogliere il meglio che mi arriva. Il tempo che passa ti toglie tanto ma ti regala consapevolezza ed esperienza. Una mia amica ama dire ‘ho un’età certa e non una certa età’. Ecco, io condivido.

Mi spieghi

La certa età è quella che tutti denigrano, l’età certa è quella della consapevolezza.

In questo senso l’ha aiutata l’amicizia con una donna più grande come Paola Quattrini?

Paolina è la seconda donna che mi ha aperto gli occhi e mi ha dimostrato che si può diventare grandi in modo diverso da come ci vogliono far credere. La prima è stata Simona, un’amica che purtroppo non c’è più. Dai Parioli si era trasferita a Bali dove curava la produzione di abiti. Le accomuna l’entusiasmo per la vita e la voglia di rimettersi in gioco, senza subire gli anni che passano.

Cosa la infastidisce di più nel prossimo?

La tendenza a giudicare a tutti i costi. Il non accettare che siamo tutti diversi.

È favorevole al ddl Zan?

Penso che se abbiamo bisogno di una legge per tutelare quello che è di per sé un diritto perché ci riguarda come esseri umani, siamo molto indietro. Ma siccome siamo indietro, ben venga il ddl Zan.

Che rapporto ha coi social?

Dipende: viva la libertà di parola ma attenzione alla manipolazione. Comunque credo che l’esempio dovrebbe arrivare dai mezzi di comunicazione ufficiali, giornali e tv. Che invece spesso sono la fiera della falsità.

Cosa pensa della tv dei reality?

Il primo Grande Fratello ha segnato un cambiamento epocale e io, che stavo facendo Buona Domenica, mi divertivo a spiarlo dal buco della serratura. Ma poi il cambiamento si è riversato sulle scelte aziendali e invece di Phil Collins si finiva per ospitare il concorrente del reality. Facevano più ascolti e costavano meno.

Se facevano più  ascolti è perché certo pubblico ha quel che si merita. Un motivo in più per passare al teatro. Parliamo di Slot.

È una commedia in cui ci si diverte affrontando argomenti reali, forti. L’antagonismo tra due donne, il rapporto madre-figlio, la depressione, la ludopatia. Io mi sono fidata e affidata alla compagnia e al regista e vedo miglioramenti di giorno in giorno.

È sempre così loquace nelle interviste?

Mi dicono tutti che ho un entusiasmo nuovo

Il teatro la distrae?

Mi riempie.

Box

Ormai è storia. Paola ha cominciato come sosia di Madonna indossando una guepiere cucita dalla mamma. Oggi è diventata quel che si dice un’influencer. La moda le piace ma non la subisce. “Se un vestito non mi sta bene non lo indosso”. I tacchi li adora ma non li porta quasi mai. “Mi fanno male i piedi”. I suoi amici stilisti si chiamano Gaetano Navarra, Roberto Cavalli, Anna Molinari, Francesco Scognamiglio. E il suo hair stylist è Maurino di Coppola con cui durante il lockdown  ha girato un video per mostrare come tagliarsi i capelli da soli. Con il fotografo Piergiorgio Pierrone invece ha realizzato un servizio da reclusa in collegamento virtuale. “Ma era per far vedere che non ci doveva fermare”. E per non fermarsi ha ben pensato di frequentare un corso on line da crocerossina (fuor di metafora) che l’ha portata tra gli homeless di Milano due volte la settimana. “Per sentirmi meno vittima e meno succube del lockdown e per vedere da vicino un aspetto di vita che non conoscevo”.

Pubblicato su Idea l’8 luglio 2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.